Il Consiglio Universitario Nazionale (CUN) è organo consultivo e propositivo del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Nell'esercizio delle attribuzioni che gli competono, quale organo elettivo di rappresentanza del sistema universitario, esprime pareri, formula proposte, adotta mozioni, raccomandazioni, svolge attività di studio e analisi su ogni materia di interesse per il sistema universitario.

Le proposte del CUN in merito ai criteri e ai parametri per le "nuove" procedure di Abilitazione Scientifica Nazionale
Primo Piano
Le proposte del CUN in merito ai criteri e ai parametri per le "nuove" procedure di Abilitazione Scientifica Nazionale

Il Consiglio Universitario Nazionale, considerati i procedimenti in corso per la definizione delle nuove "regole"  che dovranno presiedere al conferimento dell'ASN, sottopone all'attenzione delle sedi istituzionali competenti alcune analisi e proposte volte al superamento delle principali criticità evidenziate dalle prime applicazioni delle  norme che hanno disciplinato queste procedure e le connesse valutazioni.

Le proposte del CUN per il riordino delle figure pre-ruolo
Primo Piano
Le proposte del CUN per il riordino delle figure pre-ruolo

Nel suo terzo documento sull’assetto della docenza universitaria, il CUN affronta il problema del riordino delle figure pre-ruolo e ne auspica una semplificazione. Propone per il primo inserimento di giovani studiosi nella ricerca universitaria, l’introduzione di un’unica figura contrattuale coerente con gli intenti e con le previsioni della Carta Europea dei Ricercatori

Il CUN sulla durata massima complessiva degli assegni di ricerca.
Primo Piano
Il CUN sulla durata massima complessiva degli assegni di ricerca.

Il Consiglio Universitario Nazionale, nella seduta del 16 dicembre 2014, chiede  a Governo e  Parlamento di adoperarsi, urgentemente, perchè sia introdotta  una deroga, temporalmente definita, al limite di durata massima  degli assegni di ricerca, determinata in quattro anni dall'art.22, comma 3, della l. 30 dicembre 2010, n. 240.

Vai all'Archivio notizie >>

 

Provvedimenti in evidenza
Raccomandazione del 29/01/2015

Raccomandazione «Criteri minimi per la costituzione dei Dipartimenti universitari e salvaguardia della ricerca e della formazione in aree disciplinari a bassa numerosità di professori e ricercatori»

Parere generale del 29/01/2015

Parere generale n. 19 - Attività formative a scelta dello studente

Mozione del 28 gennaio 2015

Mozione sui vincoli di accesso alle posizioni di RTD di tipo b)

Nota del 26/01/2015

Il Presidente e la Vicepresidente del Consiglio Universitario Nazionale scrivono al Presidente del Consiglio dei Ministri a proposito del dl 24 gennaio 2015, n. 3 “Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti”

Parere Generale del 14 gennaio 2015

Parere generale n. 18: Ripetizione esami sostenuti con esito favorevole

Dichiarazione del 14/01/2015

Dichiarazione «In merito al decreto interministeriale 9 dicembre 2014, n. 893, Costo standard unitario di formazione per studente in corso».

Parere del 17/12/2014

Riassetto delle Scuole di Specializzazione di Area Sanitaria

Parere generale del 11/12/2014

Parere generale n. 17: Richiesta parere per chiamata diretta ai sensi dell’art. 1, comma 9 della legge 230/2005 e successive modificazioni e integrazioni. Nota dell’Università degli studi di Pavia n. 39615 del 23 ottobre 2014.

Raccomandazione del 19/11/2014

Raccomandazione in merito alla composizione delle commissioni preposte alle procedure pubbliche di selezione per l’acquisizione della posizione di Ricercatore a Tempo Determinato

Dichiarazione del 22/10/2014

Dichiarazione CUN «DOTTORATO E VALUTAZIONE»

Analisi-proposta dell'8/10/2014

Ripensare l’assetto della docenza universitaria: II. Reclutamento e progressione di carriera

Parere del 22/07/2014

Parere generale n. 15 : Equipollenze dei titoli di abilitazione comunitari con l’Abilitazione Scientifica Nazionale conseguita ai sensi dell’art. 16, l. 30 dicembre 2010 n. 240, ai fini dell’accesso alle procedure di chiamata dei professori universitari di prima e seconda fascia