Archivio Newsletter

 

Il CUN informa

Newsletter dell'11 dicembre 2017

Adunanza del 28-29 novembre 2017


CONSEGUIMENTO DEL TITOLO PER L’INSEGNAMENTO SUI POSTI DI SOSTEGNO DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E DELLA SCUOLA PRIMARIA

Il CUN ha preso in considerazione la definizione del percorso formativo rivolto a chi, in possesso della Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria, voglia conseguire il titolo per l’insegnamento sui posti di sostegno della scuola dell’infanzia e della scuola primaria. In merito, il CUN ritiene necessario segnalare che l’intero percorso formativo dell’insegnante di sostegno nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria deve porsi in linea di continuità con il percorso formativo già svolto nel corso della Laurea Magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria. Il Parere tratta anche della valutazione dei CFU già acquisiti e delle prove di concorso.

Testo del parere.


SERVIZI EDUCATIVI PER L’INFANZIA: FORMAZIONE UNIVERSITARIA DEL PERSONALE

Il CUN si è espresso sulle modalità di svolgimento del corso di specializzazione, riservato ai laureati quinquennali in Scienze della Formazione Primaria, per la qualificazione universitaria del personale dei servizi educativi per l’infanzia. Con riferimento alla laurea triennale nella classe L-19 (“Scienze dell’educazione e della formazione”), titolo di accesso ai posti di educatore dei servizi educativi per l’infanzia, il CUN segnala due problemi relativi al D. Lgs. 65/2017: 1) il riferimento all’anno scolastico 2019/20 quale anno a decorrere dal quale sarà possibile conseguire la laurea triennale in L-19; 2) l’ambiguità e l’incertezza interpretativa del termine “indirizzo”, che non ha alcuna definizione normativa. Infine, il CUN definisce i criteri minimi che i Corsi di studio in L-19 devono garantire per l'accesso ai servizi educativi per l'infanzia.

Testo del parere.


CLASSE DI LAUREA IN “SCIENZE E TECNOLOGIE DELLA NAVIGAZIONE”

In un proprio parere, il CUN ha formulato alcune proposte volte a modificare gli obiettivi formativi della Classe di Laurea L-28 (“Scienze e tecnologie della navigazione”), in modo da assicurare che i laureati in curricula specificamente dedicati alla preparazione di “gente di mare” rispondano ai requisiti richiesti dalla normativa italiana, europea e internazionale per la formazione di allievi ufficiali e per l’accesso all’esame per ufficiali della marina mercantile.

Testo del parere.


Altre notizie


CORRETTIVI AL DECRETO SUI REQUISITI DI DOCENZA

Col decreto ministeriale 935 sono state apportate alcuni correttivi al DM 987/2016 relativo alla autovalutazione, accreditamento iniziale e periodico delle sedi e dei corsi di studio e valutazione periodica delle Università.

Testo del decreto.


BANCHE DATI RAD E SUA-CDS PER ACCEDITAMENTO CORSI 2018-2019

Con una propria circolare del 5/12, il “Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca” (MIUR) comunica a tutti i Rettori che la riformulazione dei corsi di nuova istituzione devono essere inviate entro il 16 febbraio; le proposte di modifica degli ordinamenti didattici nella parte ordinamentale (RAD) della scheda SUA il 23 febbraio.

CORSI DI LAUREA IN SCIENZE GASTRONOMICHE

Col decreto ministeriale 928 firmato il 28 novembre u.s. sono state istituite le classi dei corsi di laurea in “Scienze, culture e politiche della gastronomia” (L/GASTR) e di laurea magistrale in “Scienze economiche e sociali della gastronomia” (LM/GASTR).

FIRMATO IL DECRETO SULLE “LAUREE PROFESSIONALIZZANTI”

La Ministra Valeria Fedeli ha firmato il decreto sulle “lauree professionalizzanti” che debutteranno il prossimo anno accademico. L’obiettivo è armonizzare l’offerta formativa che sarà attivata dagli atenei - dedicata ai percorsi con ordini e collegi professionali - con quella degli ITS, gli Istituti tecnici superiori.


PIANO ANTICORRUZIONE

L’Autorità Nazionale Anticorruzione ha approvato in via definitiva l’Aggiornamento al 2017 del Piano Nazionale Anticorruzione. La parte dedicata alle istituzioni universitarie affronta vari aspetti: l’organizzazione per la prevenzione della corruzione; la ricerca; la valutazione della qualità della ricerca degli atenei (e degli Enti pubblici di Ricerca); l’organizzazione della didattica; le procedure di reclutamento a livello locale; i Presidi per l’imparzialità dei docenti e del personale universitario; gli Enti partecipati e le attività esternalizzate dalle università; le università telematiche.

Testo del PNA 2017.



Resoconti delle sedute: "InformaCUN"

Twitter: @ConsUnivNaz